ead>

Error. Page cannot be displayed. Please contact your service provider for more details. (11)

Luna di Carta

Just another artistsagainstwar.info weblog

Il ponte dell’Arcobaleno..

admin on Lug-24-2011

http://www.homesweethomesitters.com/mediac/450_0/media/DIR_122/RainbowBridgeGailHogan2.jpg

Il racconto che precede questo scritto descrive bene il sogno/desiderio di ritrovare un dì lontano tutti i nostri amati animali.

Come spiegare a chi non ama e non ha amato un micio o un cane la sensazione di sgomento e di vuoto, che si avverte con la loro dipartita?

Io soffro ancora per l’aver perso Sara, la mia siamese, ma se guardo nel profondo del mio animo mi manca anche Micia la gattina europea che mi regalarono quando avevo sei anni. Me la portarono un giorno all’uscita da scuola, nascosta dentro ad un cestino piccolissimo di vimini. Era davvero piccina, poco più di un mese forse, ed aveva ancora gli occhietti azzurri come il cielo. Da quel giorno fummo inseparabili ed eravamo talmente affiatate, che mia madre dovette rinunciare a togliermela dal cuscino durante la notte perché io mi svegliavo puntualmente e lei tornava e tornava. Era bellissima, ora la posso descrivere come una Soriana europea dal manto marmorizzato silver tabby. Al sole sembrava d’argento..

I gatti a casa dei nonni non hanno mai avuto il bene di avere un nome, non che fosse vietato, ma loro erano cinofili convinti e poco amanti dei gatti anche se ne avevano sempre due o tre in giro per casa. Così neppure alla mia micetta fu attribuito un nome, ma io e lei avevamo un linguaggio tutto nostro da condividere. Vicine per 18 anni.

http://1.bp.blogspot.com/-ukvTTE2jDJ8/TfZHReC1oFI/AAAAAAAAA28/ASClKwK89HE/s320/Ponte+dell%2527arcobaleno.jpg

E’ l’unica della quale posso dire con certezza mi sia tornata dopo morta, lo ha fatto una notte dopo molti mesi dalla dipartita da questo mondo. E si è fatta sentire nel modo più consueto possibile, cioé con la leggera pressione delle zampine sui miei piedi, proprio come di suo solito.

Sara invece non è mai andata via da questa casa, ogni tanto me la rivedo sdraiata nel corridoio o sulla sua cuccia vicino al computer.

Ed ora ci sono tutti i miei piccoli, che sono per me una gran gioia, anche se mi preoccupa la loro tarda età perché io potrei non esserci a curarmi di loro. Ai miei figli ho intimato: “Quando sono morta rammentate che io vi guardo dagli occhi di Miuu, Shinji, Akiko e Kaito.

Spero invece di ritrovare tutti i miei amici pelosi presso il ponte dell’Arcobaleno e credo che ci sarà un po’ di affollamento, con Black e Rover i miei pastori tedeschi, Micia e Sara con Filomena, detta Filo, la certosina cieca e i suoi tre gattini. E forse chissà rivedrò anche Tippete, il randagetto simil volpino di mia nonna, e Blaccone (black) che con il suo grugnito sordo mi intimava di non violare la sua privacy. Rivedrò la micina bianca e pezzata della nonna e Micio, un gattino neurologico, che cadeva in continuazione di sotto dalla finestra (senza farsi male perché eravamo al primo piano) e che un giorno così facendo se ne fuggì per seguire una gattina affascinante?

http://www.bekkercoon.ru/data/images/wysiwyg/news/img_vision1504_42_0.jpg

Spero. E prometto di essere io ad aspettare i miei quattro piccini sul prato antistante il ponte dell’Arcobaleno insieme a tutta la truppa …

Lu’

Add A Comment

You must be logged in to post a comment.